Studj romanzi. Nuova serie. VIII, 2012.

Testata: Studj romanzi. Nuova serie • Anno di pubblicazione: 2012
Edizione cartacea
pp. 188, ISBN: 9788867284115
€ 32,00 -15% € 27,20
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 27,20
Wishlist Wishlist Wishlist
Edizione digitale
  • Silvia Conte, Il chantar della rana e la topica dell’esordio
  • Valentina Atturo, Dalla pelle al cuore. La “puntura” e il «colpo della pietra», dai trovatori a Petrarca
  • Roberto Antonelli, Interpretazione, ricezione e volontà dell’autore dai Siciliani a Guittone »
  • Isabella Proia, I componimenti in esasillabi del Cancionero de Herberay des Essarts, una possibile interpretazione metrica

Silvia Conte

È dottore di ricerca in Filologia Romanza ed Italiana ("Sapienza" Università di Roma). Ha svolto indagini semantiche sulle narrationes di amanti nelle letterature di ambito latino e romanzo, i cui risultati ha pubblicato in riviste e nello studio monografico dal titolo Amanti lussuriosi esemplari. Semantica e morfologia di un vettore tematico (Roma 2007). Si occupa principalmente di tematiche di filologia dantesca, di ecdotica, fonti e semantica dei testi marcabruniani e di tradizione di opere di autori latini, argomenti sui quali ha già pubblicato diversi contributi.

Valentina Atturo

È dottoranda in Filologia e letterature romanze presso "La Sapienza" Università di Roma. Si è occupata, tra l’altro, della fenomenologia di agnizione e nominazione nella Commedia dantesca («Critica del testo», 2005 e 2009); delle implicazioni intertestuali e storico-culturali riguardanti il ri-uso di Giacomo da Lentini nella lirica italiana delle Origini, principalmente in Guinizzelli («Studj romanzi», 2009-2010); delle fonti cisterciensi e vittorine che presiedono al meccanismo della visione in Dante («Critica del testo», 2010).

Roberto Antonelli

Insegna Filologia romanza alla “Sapienza” Università di Roma. Si è dedicato soprattutto allo studio delle origini e dello sviluppo delle letterature romanze, con particolare riguardo alla lirica italiana e provenzale e al romanzo anglo-normanno, analizzati sotto il profilo ecdotico e formale e nelle relazioni storico-culturali. Ha pubblicato fra l’altro: Le Origini (1973); Politica e volgare (1979); Giacomo da Lentini, Poesie, ed. critica (1979); Repertorio metrico della scuola poetica siciliana (1984); I magazzini della memoria. Luoghi e tempi dell’Europa (2000); ha curato l’edizione italiana (con introduzione) di E. R. Curtius, Europäische Literatur und lateinisches Mittelalter (1992). Ha organizzato e diretto per Einaudi, con A. Asor Rosa, La Letteratura italiana (1982-1996). Ha preparato il primo commento integrale a Giacomo da Lentini, appena uscito per Mondadori (2008). Sta preparando un nuovo commento alla Commedia (La Nuova Italia editrice). Dirige la rivista «Critica del testo». Ha ricevuto il premio “Honoré Chavée” dell’Institut de France. È socio corrispondente dell’Accademia Nazionale dei Lincei.

Isabella Proia

Si è laureata nel 2006 in Letteratura spagnola presso l’Università di Roma “La Sapienza” con una tesi sulle problematiche di critica testuale relative alla Celestina. Attualmente dottoranda in Filologia e letterature romanze presso la stessa università, sta preparando per la sua tesi di dottorato l’edizione critica del canzoniere di fray Diego de Valencia de León, vissuto fra la fine del ’300 e l’inizio del ’400, e in rapporto con la corte castigliana di Fernando de Antequera.