L'eccessiva creatività di Cervantes

Autore: Rosa Rossi
In: Critica del testo. IX/1-2, 2006
Acquista PDF Acquista PDF Acquista PDF
Abstract

L’“eccessiva” creatività di Cervantes
Miguel de Cervantes si è venuto a trovare per ragioni biografiche e ambientali nel crogiolo di quella «nuova creatività» di cui si è parlato al convegno che si è tenuto a Firenze nello scorso autunno. Di qui il suo isolamento in patria – così come è documentato nel celebre aneddoto dell’ambasciatore francese che pensava di trovarlo a corte –, e una «nuova creatività» che spiega l’inarrestabile marcia dell’hidalgo nella storia delle lettere mondiali.

Por razones biográficas y ambientales Miguel de Cervantes se ha encontrado en la encrucijada de esa «nueva creatividad» de la que se habló en el Congreso de Florencia del otoño pasado. De aquí su aislamiento en patria – así como resulta en la célebre anecdota del embajador francés que pensaba hallarlo en la corte –, y una «nueva creatividad» que explica el viaje que no para del hidalgo en la historia de las letras mundiales.