Critica del testo. IX/3, 2006.

Testata: Critica del testo • Anno di pubblicazione: 2007
Edizione cartacea
pp. 170, ISBN: 9788883343049
€ 16,00 -15% € 13,60
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 13,60
Wishlist Wishlist Wishlist
Edizione digitale
PDF • ISBN: 9788883348754
€ 12.99
Acquista Acquista Acquista

Maistre (certa) : niveaux de savoir et conception du monde chez Guillaume IX d'Aquitaine
Maria Luisa Meneghetti

“Maistre (Certa)”: niveaux de savoir et conception du monde chez Guillaume IX d’Aquitaine
Partendo da uno studio di M. Black (Models and Archetypes, 1958) si esamina la possibilità di ampliare quella prospettiva euristica al campo della letteratura. In particolare viene analizzato un testo di Guglielmo IX nel quale il trovatore sembra identificarsi con Dio.

Starting with a study by M. Black (Models and Archetypes, 1958), the author examines the possibility of broadening this heuristic perspective to include literature. In particular, she analyses a text by William IX, in which the troubadour seems to identify with God.


Sulle tracce dei Tartari di Giovanni di Pian di Carpine
Matteo Milani

Sulle tracce dei Tartari di Giovanni di Pian di Carpine
Alcuni capitoli dell’Historia Mongalorum di Giovanni di Pian di Carpine trovano spazio, in forma di libera parafrasi, entro i confini narrativi e codicologici di una delle versioni italiane del Secretum secretorum, ampio trattato pseudoaristotelico: nel contributo vengono messe in luce le modalità di questa interessante intersezione testuale, che trova ulteriore sviluppo nella diffrazione testimoniale dei codici italiani; in appendice, il testo critico della sezione in esame, per la prima volta edita.

Some chapters of the Historia Mongalorum by Giovanni di Pian di Carpine can be traced back, as a free paraphrase, to the codicological and narrative boundaries of one of the Italian versions of the Secretum secretorum, a wide pseudo-Aristotelian treatise: the contribution highlights the methods of this interesting textual intersection, that is further developed into the testimonial diffraction of the Italian manuscripts; the appendix contains the edition of the examined section, published for the first time.


Io mi son giovinetta (Dec. IX, Concl., 8-12) : testo in figura e in musica in una stanza della memoria della fortezza di Sorano
Marco Cursi, Raffaella Zanni

«Io mi son giovinetta» (Dec. IX, Concl., 8-12): testo in figura e in musica in una stanza della memoria della fortezza di Sorano
Il contributo pone l’attenzione sugli affreschi che decorano una stanza della Fortezza Orsini di Sorano, fortuitamente scoperti nel 1967. Un successivo restauro (che ne ha comportato il distacco) ha messo in luce la struttura dell’apparato illustrativo (risalente alla metà del Cinquecento) costituito da soggetti di ispirazione epicomitologica, ai quali si affiancano quattro cartigli contenenti il rifacimento in madrigale della ballata decameroniana Io mi son giovinetta, corredata di notazioni musicali. Gli autori presentano l’edizione del testo superstite ed un’ analisi grafica e iconografica elaborando nuove ipotesi riguardanti l’originaria collocazione e la possibile interpretazione del piccolo ciclo figurativo.

This contribution draws attention to the frescoes decorating one room of the Orsini Fortress in Sorano which were discovered quite accidentally in 1967. The subsequent restauration (including the detachment) brought to light the whole figurative structure, dating from the middle of the sixteenth century and based on epic and mythological subjects. They are accompanied by four architectural cartouches inscribed with the Decameronian ballad Io mi son giovinetta, together with a musical notation. The authors of this article present the edition that has survived of the text, together with a graphic and iconographic analysis, and put forward new hypotheses regarding the original collocation and possible interpretation of the small illustrative cycle.


Il francese negli Stati Crociati : testi e contesti
Laura Minervini

Il francese negli Stati Crociati: testi e contesti
L’articolo tratta della diffusione del francese negli Stati Crociati attraverso un’analisi delle diverse tipologie di testi in cui esso è impiegato. A esemplificare questa (poco studiata) varietà linguistica, si offre la nuova edizione di un documento conservato presso l’Archivio Segreto Vaticano (Instrumenta Miscellanea 403), che presenta elementi d’interesse tanto per la storia politica del Regno di Cipro, quanto per la storia culturale del mondo romanzo.

The article deals with the spreading of the French language throughout the Crusader Kingdoms, and undertakes an analysis of text typologies in which it is employed. The new edition of a document preserved in the secret archives of Vatican Library (Instrumenta Miscellanea 403) is presented as an example of this linguistic variety, which has been studied very little. The document is of interest both for the political history of the Kingdom of Cyprus and for the cultural history of the Romance world.


La Vie seinte Audree : un nuovo tassello per ricostruire l'identità di Maria di Francia?
Carla Rossi

La Vie seinte Audree: un nuovo tassello per ricostruire l’identità di Maria di Francia?
L’articolo contesta, su base documentaria d’archivio, l’identificazione di Maria di Francia con Maria di Meulan ed inoltre propone una nuova ipotesi che collegherebbe la produzione di Maria alla figura della badessa di Barking, Maria Becket.

On the basis of documents from the archives, the author argues that Maria of France cannot be identified with Maria of Meulan, and puts forward a new hypothesis connecting Maria’s work with that of the Abbess of Barking, Maria Becket.


Gli Ossi di seppia e la disunità dell'io : retorica e grammatica dell'anonimia
Andrea Malagamba

Gli Ossi di seppia e la disunità dell’io: retorica e grammatica dell’anonimia
L’articolo analizza alcuni procedimenti grammaticali e retorici che consentono a Montale, negli Ossi di seppia, di rappresentare un particolare momento nella costruzione di un io testuale. Sineddochi, ipallagi, metafore e l’uso di soggetti impersonali mostrano la disunità dell’io lirico montaliano come un principio compositivo che percorre sottotraccia l’intera raccolta poetica.

This article analyses certain rhetorical and grammatical procedures that enable Montale, in the Ossi di Seppia, to represent a particular moment in the construction of the textual Ego. The use of synecdoche, hypallage, metaphor and that of an impersonal subject all go to show that the lack of unity in Montale’s lyrical ego was a principle underlying the composition of the whole collection of poems.